Home • Playbook
Playbook esercizi

Playbook esercizi

Sport: Categoria: Sottocategoria: Accesso: Ordine: Ordine tipo: Autore: Parole chiavi: 
Esercizi trovati: 384 articoli,2088 diagrammi
Accesso:  Premium
Autore: Marcelletti FrancoMarcelletti Franco
L'utilizzo di questo schieramento offensivo è aumentato in questi ultimi tempi con la regola dei 24" e con i 4 tempi da 10', oltre che in molte situazioni di gioco rotto. La presenza inoltre di un numero sempre maggiore di giocatori stranieri e da americani abili in penetrazione, ha facilitato le cose. Tutto nasce dalla capacità di creare dell'uomo con la palla. Deve essere capace di battere il suo avversario, avere un tiro che preoccupi la difesa (soprattutto arresto e tiro), ed una buona abilità di passaggio.

Schieramento iniziale 1-4
Linee di passaggio in relazione all'aiuto difensivo.
Numero diagrammi:8
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla uomo
Parole chiavi: Attacco basso
Visualizzazioni: 8
Voto: 5.05.0
Accesso:  Premium
Autore: Marcelletti FrancoMarcelletti Franco
Opzioni: se X2 aiuta 2 si muove in contro - rotazione al movimento di 1 per ricevere e tirare.
Numero diagrammi:9
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla uomo
Parole chiavi: Attacco basso
Visualizzazioni: 3
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Marcelletti FrancoMarcelletti Franco
Oppure penetra 1c1 ed è lui a creare per gli altri.
Numero diagrammi:4
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla uomo
Parole chiavi: Attacco basso
Visualizzazioni: 2
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Marcelletti FrancoMarcelletti Franco
L'ultimo aspetto da curare è che l'attaccante che penetra, dopo aver passato la palla, deve continuare il movimento per essere pronto a ricevere un passaggio immediato o dopo una nuova penetrazione del compagno.
1 penetra sul fondo - 2 si muove in contro - rotazione - 1 continua in angolo e riceve.
Numero diagrammi:6
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla uomo
Parole chiavi: Attacco basso
Visualizzazioni: 4
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Pillastrini StefanoPillastrini Stefano
PREMESSA
L’organizzazione difensiva delle mie squadre è basata su regole generali che valgono contro ogni attacco, ma anche da adattamenti specifici contro situazioni che affrontiamo di frequente.
L’attacco 1/4 bassi è una situazione che si incontra di frequente soprattutto per chiudere un periodo controllando il cronometro o in prossimità dello scadere dei 24 secondi. Essendo una situazione particolare e ripetuta voglio preparare la mia squadra ad affrontarla.
Abbiamo regole diverse a seconda delle caratteristiche dei giocatori avversari che vengono isolati dall’attacco per giocare 1c1.
Possiamo utilizzare 3 tipi di difesa:
1. caso in cui l’avversario sia un playmaker piccolo molto veloce, tiratore, abile nel palleggio e nel passaggio ma in difficoltà contro aiuti decisi dei lunghi.
Il difensore sulla palla deve essere molto aggressivo e indirizzare il palleggiatore sulla sua mano debole. È molto importante l’aggressività perché vogliamo forzare l’attacco a penetrare, ma non vogliamo mai concedere un tiro o uno scarico facile al giocatore lasciato libero dalle rotazioni.
Quindi vogliamo invogliare 1 a penetrare a sinistra, cercando di farlo andare fuori controllo. Quando parte la penetrazione la difesa reagisce come nel diagramma:
il difensore di 2 rimane in anticipo contro il suo avversario perché non vogliamo aiuti dal lato forte.
Il difensore di 5 fa un aiuto molto deciso appena il palleggiatore arriva in area, con 3 obiettivi precisi:
a) costringere l’attaccante a smettere il palleggio;
b) impedire che 1 chiuda la penetrazione con un tiro ad alta percentuale;
c) rendere difficile ogni passaggio.

Il difensore di 4 si sposta sotto canestro, per scoraggiare un passaggio a 5 o intervenire in modo molto aggressivo nel caso 5 riceva la palla. Il difensore di 3 si chiude in area per impedire un passaggio a 4. Se questa rotazione è corretta, l’unico passaggio possibile è quello a 3, passaggio peraltro non facile perché 1 si trova sulla linea di passaggio.
Numero diagrammi:5
Sport: Basket
Categoria: Difesa
Sottocategoria: Difesa a uomo
Parole chiavi: Difesa contro attacco basso
Visualizzazioni: 3
Voto: 5.05.0
Accesso:  Premium
Autore: Molino NinoMolino Nino
PREMESSA
Ho sempre suddiviso il programma stagionale riguardante la mia squadra in tre parti che si differenziano così:
1. pre-season (obiettivi, tecnica individuale e regole difensive);
2. stagione regolare (tattica individuale e di squadra);
3. play-off (video e screening dei giochi e delle giocatrici avversarie).

PRE SEASON
Principi da enfatizzare:
- mentalità;
- aggressività;
- responsabilità individuale e di squadra.

In tutti gli esercizi:
1. Utilizzo della palla evitando esercizi statici ed utilizzando quelli utili sia in chiave difensiva sia in quella offensiva.
2. Ricreare situazioni di partita trasformando sempre il lavoro difensivo in offensivo.
3. Motivare le atlete utilizzando punteggio e cronometro.

REGOLE DIFENSIVE
Un buon equilibrio difensivo (lunghe a rimbalzo, play ad anticipare l'apertura avversaria, esterne che rientrano in difesa). Un buon esercizio per l'equilibrio difensivo il 4 vs 4 vs 4 in continuità: squadra A in attacco squadra B in difesa squadra C a metà campo. Dopo il tiro A in difesa su C (apertura obbligatoria nella metà campo difensiva) B a metà campo.

Sulla giocatrice con palla difendiamo "fondo" tra l'avversario e l’angolo preoccupandoci di contenere tentativi di penetrazione.
Numero diagrammi:8
Sport: Basket
Categoria: Difesa
Sottocategoria: Difesa a uomo
Parole chiavi: Difesa individuale
Visualizzazioni: 11
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Molino NinoMolino Nino
Sui doppi blocchi seguiamo aiutando con il difensore del bloccante più vicino alla palla e proteggendo l'area con quello più lontano.
Numero diagrammi:8
Sport: Basket
Categoria: Difesa
Sottocategoria: Difesa a uomo
Parole chiavi: Difesa individuale
Visualizzazioni: 3
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Finelli AlessandroFinelli Alessandro
Dal mio punto di vista ci sono due modi per sviluppare blocchi sulla palla in transizione:

A. Si sviluppano pick and roll che io definisco ‘occasionali’, non programmati, che nascono dall’iniziativa congiunta del giocatore con palla e del lungo che blocca (bloccante) che comunicando con gli occhi decidono di giocare a due. In questo caso il vantaggio è l’imprevedibilità, lo svantaggio sta nella eventuale spaziatura non efficace degli altri 3.

B. Si sviluppano pick and roll organizzati, quindi diventa un vero e proprio schema da usare nei primi secondi dell’azione (un contropiede secondario organizzato a tutti gli effetti), non solo i 2 attori protagonisti del gioco a due ma anche gli altri 3 giocatori sanno esattamente che posizioni occupare per ottimizzare la spaziatura. L’efficacia del blocco e il mantenimento del conseguente vantaggio che si ottiene verrà concretizzato anche grazie all’eccellente spaziatura sul campo.

Ho utilizzato sia giochi a due non programmati, sia programmati.
A livello di metodologia di insegnamento parto dallo sviluppo di pick and roll organizzati.
Inizio già dal prestagione inserendo la transizione organizzata dopo ogni tiro libero della squadra avversaria. L’obiettivo è dopo i liberi avversari giocare ‘di squadra’ un blocco sulla palla laterale nei primi 4-8 secondi dell’azione.
Ecco come si sviluppa l’azione (vedi diagr. 1):
Numero diagrammi:4
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Pick and Roll
Parole chiavi: Pick Roll transizione
Visualizzazioni: 5
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Finelli AlessandroFinelli Alessandro
Il playmaker può dopo il passaggio giocare un dai e vai a tutto campo che lo porta a rubare qualche canestro facile, (l’area è spesso libera) poi si spazia in angolo sul lato opposto alla palla.
Numero diagrammi:9
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Pick and Roll
Parole chiavi: Pick Roll transizione
Visualizzazioni: 0
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Filesi FedericoFilesi Federico
PREMESSA
La progressione riguarda le ultime categorie giovanili o una squadra senior ed ha come obiettivo principale la collaborazione tra 1° e la 2° linea di difesa nell'ambito della costruzione di una zona fronte pari con particolare riferimento alla situazione di aiuto e recupero.
La scelta iniziale è di costruire una zona “canonica” dove il nostro centrale (X5) non esce in angolo quindi, in questa situazione cosiddetta “di emergenza”, l'uomo della seconda linea sale ad aiutare in ala con l'intento di impedire il tiro e il passaggio in angolo che ci metterebbe notevolmente in difficoltà.
Da ricordare infine i seguenti concetti basilari della nostra zona:
1. forte pressione sulla palla che rallenti e/o limiti la circolazione con l’obiettivo prioritario di tenere la palla il più possibile su 1/4 di campo;
2. “COMUNICARE” (è fondamentale sempre!).

PROGRESSIONE DIDATTICA
5 contro 0 di presentazione e 5 c 5 a metà campo “didattico” 10’
L’allenatore “rinfresca” brevemente alla squadra le aree di competenza della 1° e 2° linea e le relative collaborazioni sui ribaltamenti, tagli e penetrazioni.

Esercizio di 3 c 2 che poi diventa 4 c 3 per la prima linea difensiva della zona (15') (diagr. 1 e 2)
Tre file: centro - ala e ala in attacco con in difesa X1 e X2 che giocano sulle linee di passaggio fintanto un raddoppio centrale al fine di indirizzare la palla su un lato possibilmente in posizione poco vantaggiosa per l'attacco. È fondamentale la comunicazione (“esco”) e la pressione sulla palla - nel momento in cui la palla vola dall’ala al centro l’altro difensore della 1° linea deve salire per ostacolare il tiro e soprattutto cercare di reindirizzare sul solito lato.
Numero diagrammi:7
Sport: Basket
Categoria: Difesa
Sottocategoria: Difesa a zona
Parole chiavi: Progressione didattica costruzione della difesa zona
Visualizzazioni: 4
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Pancotto CesarePancotto Cesare
INTRODUZIONE:
Ogni allenatore ha una sua organizzazione per l’attacco: importante è svilupparla nel rispetto delle caratteristiche dei giocatori a disposizione.
Inoltre, dobbiamo tendere a migliorare “L’UOMO/GIOCATORE” motivandolo a migliorarsi e a migliorare gli altri, dato che fa parte di un “sistema” di cui è un protagonista.
L’attacco è più difficile da insegnare/costruire; occorre quindi investire più tempo per creare tutti gli “automatismi” indispensabili nella “collaborazione”.

MENTALITA’:
Noi poniamo la massima attenzione su:
- rispettare/mantenere “spazio - tempo” nell’esecuzione;
- assegnare ruolo/responsabilità ad ogni giocatore da portare avanti e migliorare/ aiutare a trovare le proprie responsabilità all’interno del gioco;
- rendere facili/spontanee le cose da fare (assimilare), perché ci sia la massima reattività (fare, non pensare);
- far diventare loro il “gioco” (attaccare/reagire), sapere perché, per chi, quando farlo;
- saper risolvere qualsiasi situazione: fiducia, certezza, chiarezza, far diventare istinto le cose da fare.

REGOLE BASE:
- entrare veloce nei giochi (passaggio e/o palleggio) per attaccare subito/sempre;
- ribaltamento / reverse (con passaggio, con palleggio): scavalcare gli anticipi;
- uso del post / uso dell’hand-off / uso pick and roll;
- goals/obiettivi: ricerca 1° opzione/opzioni successive;
1. palla pivot basso + rotazione;
2. palla post alto + blocchi (mix match);
3. pick and roll.

Inoltre: ricordarsi di usare i “passaggi” per migliorare qualità del gioco, uso del “palleggio” per battere proprio uomo e/o migliorare l’angolo di passaggio.

GIOCO BASE
Inizio con passaggio e taglio UCLA (diag. 1): l’inizio del gioco prevede il passaggio (dx o sx) tra 1 e 2 con successivo taglio (UCLA).
Numero diagrammi:5
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla uomo
Parole chiavi: Sistema gioco attacco alla difesa individuale
Visualizzazioni: 3
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Pancotto CesarePancotto Cesare
OPZIONI
Se anticipano il primo passaggio facciamo incrociare sui blocchi 2 e 3 sotto - sopra.
Numero diagrammi:6
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla uomo
Parole chiavi: Sistema gioco attacco alla difesa individuale
Visualizzazioni: 5
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Pancotto CesarePancotto Cesare
Opzione Hand - Off (diagr. 11-12): se anticipano 1, 2 dopo il passaggio a 4 segue (dai e segui), riceve il passaggio consegnato (Hand - Off) e dà il via ai blocchi stagger.
Numero diagrammi:6
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla uomo
Parole chiavi: Sistema gioco attacco alla difesa individuale
Visualizzazioni: 3
Voto:  Non disponibile
Accesso:  Premium
Autore: Riga MassimoRiga Massimo
PREMESSA
Qualche anno fa, sfogliando una dispensa di un Clinic tenuto da un grande allenatore come Giovanni Papini, rimasi affascinato da una frase che lui riportava “un buon tiro lo può fare qualsiasi giocatore, un buon passaggio lo fa solo il giocatore che conosce il gioco”.
Coach Papini esaltava il concetto che “il passaggio rappresenta una comunicazione, una relazione all’interno di una squadra, intesa come gruppo comprendente giocatori e staff tecnico” (cit. Papini). Da qui l’idea di lavorare prevalentemente su questo fondamentale e nella costruzione di qualsiasi gioco d’attacco esaltare il concetto di eseguirlo efficacemente come parte determinate della soluzione di squadra.
Questo gioco contro zona è essenzialmente un gioco di passaggi e di movimento senza palla, inteso come tagli verso palla (lato forte) e lontano dalla palla (lato debole).

DISPOSIZIONE INIZIALE: 2 e 3 si possono anche scambiare di posto, l’importante è che in lunetta parta un tiratore.
Il nostro numero 4 con i piedi sulla linea dei tre punti minacciando sempre un tiro, 5 appena sotto la linea del tiro libero tra la prima e la seconda linea di difesa
Numero diagrammi:5
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla zona
Parole chiavi: Attacco contro difesa zona
Visualizzazioni: 5
Voto: 5.05.0
Accesso:  Premium
Autore: Riga MassimoRiga Massimo
Ora l’idea per 3 è mettere la palla dentro a 5 o a 4. Credo che un gioco d’attacco contro la zona non possa prescindere nel mettere la palla nella posizione di mezzo angolo o post alto.
Numero diagrammi:6
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla zona
Parole chiavi: Attacco contro difesa zona
Visualizzazioni: 4
Voto: 5.05.0
Accesso:  Premium
Autore: Fedrigo CristianFedrigo Cristian
RIFLESSIONE
“Dopo aver terminato il ciclo di lavoro di tre anni con un gruppo giovanile, avevo notato che nelle partite più importanti (campionato, fasi interregionali e finali nazionali) l’utilizzo di difese tattiche ha il sopravvento.”

REGOLAMENTO
È ormai di dominio pubblico che da un paio di anni, forse più, si possa difendere a zona a partire dalle categorie U13 e U14. Quello che mi sono chiesto era piuttosto quali strumenti tecnici e concetti (i quali sono per la maggior parte simili a quelli dell’attacco alla uomo) fossero utili da insegnare.

CATEGORIE U13, U14 e U15
Nel darmi degli obbiettivi nell’affrontare questo argomento ci sono due aspetti che hanno migliorato la mia “mentalità” nell’affrontare l’attacco alla zona:
- Aspetto mentale: “l’ansia”
Uno degli obbiettivi che noi allenatori dobbiamo prefiggerci di raggiungere è quello di non trasmettere il nostro stato di ansia ai bambini, cercando, invece, di fornire loro gli strumenti necessari per superare le difficoltà del campo, comprese quelle mentali. Queste ultime possono essere superate, aumentando il nostro, e di conseguenza il loro, livello di competenza;
- La programmazione: “il momento ed il modo con cui proporre”
Dare alla nostra proposta una collocazione tecnica a medio lungo termine, può aiutare a ridurre il nostro senso di ansia quando si è in campo, aiutando così i nostri ragazzi (esempio: allenare l’attacco alla zona il giorno prima della partita).

PROGRESSIONE DIDATTICA
1 - Tiro
2 - Insegniamogli a giocare
I bambini sono disposti come nel diagr. 1; gli “attaccanti” hanno la libertà di scambiarsi come e quando vogliono, mentre il “difensore” deve cercare di toccare uno di loro durante lo scambio; chi è stato toccato diventa difensore.
Numero diagrammi:6
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla zona
Parole chiavi: Costruzione mantenimento vantaggio nell attacco difesa zona
Visualizzazioni: 9
Voto: 5.05.0
Accesso:  Premium
Autore: Fedrigo CristianFedrigo Cristian
CATEGORIE U16 e U18
Gli obbiettivi che ritengo che mi prefiggo per attaccare una difesa a zona, in riferimento alle categorie U17 e U19, sono i seguenti:

- Fare contropiede
Non solo da rimbalzo e palla recuperata, ma anche da canestro subito;
- Cosa fare se non c’è modo di fare contropiede
Se non si è riusciti a fare canestro nei primi 7”-9”, bisogna cercare di usare il palleggio (penetrazione) od il passaggio (tagli nei “buchi” lasciati liberi dalla difesa) e cercare di passare la palla ad un giocatore in post (alto-medio-basso), per “rubare” un canestro o crearsi un vantaggio;
- andare sempre a rimbalzo offensivo
- pressare la squadra avversaria dopo un canestro segnato

SPAZIATURA
Da intendere come distanza tra giocatori:
a) esterni - esterni;
b) interni - interni;
c) interni - esterni.

USO DEI FONDAMENTALI
- Il passaggio
inteso non solo come tecnica, ma anche capacità di controllo, di vedere e di scelta del tipo di passaggio adeguato;
- Il palleggio
Inteso come la capacità di “penetrare” negli spazi lasciati liberi dalla difesa;
- Il tiro
Avendo come obbiettivi quelli di:
- Aumentare le percentuali di tiro;
- Usare i fondamentali per aumentare il controllo del corpo:
- arresto e tiro;
- arresto e passaggio.
- Tagli sulla linea di fondo e gioco in post (alto-medio-basso)

PROGRESSIONE DIDATTICA
1 - Tiro: proposte di esercizi per aumentare la percentuale e di esercizi per aumentare il controllo del corpo (diagr. 7, 8, 9, 10, 11, 12).
Numero diagrammi:6
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla zona
Parole chiavi: Costruzione mantenimento vantaggio nell attacco difesa zona
Visualizzazioni: 9
Voto: 5.05.0
Accesso:  Premium
Autore: Fedrigo CristianFedrigo Cristian
2 - 2 c 1
I ragazzi sono disposti come nel diagr. 13; il giocatore con palla è libero di passarla dove vuole; chi riceve il passaggio deve passare la palla giocatore che non ha ancora toccato la palla e poi diventa il difensore; si finisce con un canestro o un rimbalzo difensivo.
Numero diagrammi:3
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Attacco alla zona
Parole chiavi: Costruzione mantenimento vantaggio nell attacco difesa zona
Visualizzazioni: 6
Voto: 5.05.0
Accesso:  Premium
Autore: Mondoni MaurizioMondoni Maurizio
Quattro file ai 4 angoli del campo: 1 palleggia in avanti e passa a 2 (che corre verso la metà campo) e va in coda alla fila 4, 2 dopo aver ricevuto la palla da 1 la passa a 3 e va in coda alla fila 3, 3 parte in palleggio e passa la palla a 4 (che corre verso la metà campo), che la passa a 1; continuità.
Numero diagrammi:3
Sport: Basket
Categoria: Fondamentali
Sottocategoria: Passaggio
Parole chiavi: Allenare passaggio
Visualizzazioni: 12
Voto: 5.05.0
Accesso:  Premium
Autore: Mondoni MaurizioMondoni Maurizio
Quattro file, un pallone per fila: al segnale palleggiare fino alla linea della lunetta, arresto, giro, passaggio a due mani dal petto al compagno e seguire in coda; continuità.
Numero diagrammi:6
Sport: Basket
Categoria: Fondamentali
Sottocategoria: Passaggio
Parole chiavi: Allenare passaggio
Visualizzazioni: 13
Voto: 5.05.0
Accesso:  Premium
Autore: Cikic DejanCikic Dejan
1 prova a catturare 2 mentre gli altri giocatori portano blocchi per 2 per rallentare 1. Quando il cacciatore prende il corridore, l'allenatore decide i due successivi contendenti. I giocatori devono portare blocchi legali, corretti senza muovere i piedi.
Numero diagrammi:6
Sport: Basket
Categoria: Attacco
Sottocategoria: Collaborazioni Offensive
Parole chiavi: Blocchi lontano dalla palla
Visualizzazioni: 4
Voto: 4.05.0