Home • News
Progetto: Educazione Fisica e giocosport Minibasket nella Scuola Primaria

Premessa
L’importanza del movimento, del gioco e del giocosport nel processo di crescita dei bambini, è fondamentale, perché sono entrambi comportamenti naturali sin dall’infanzia e con l’inizio della scuola sono emarginati e confinati alla “ricreazione” e dopo lo studio, se c’è tempo.
Il ruolo del gioco dovrebbe, invece, avere un maggior peso nei primi anni di vita e di scuola, perché il movimento, attraverso il gioco, condiziona sia i futuri apprendimenti, sia l’acquisizione delle capacità e delle abilità motorie, che rappresentano il presupposto per una corretta interazione individuo-ambiente.
Un corretto percorso di educazione al movimento fin dalla prima infanzia, non solo favorisce un idoneo sviluppo fisico, garantendo l’integrità e la corretta funzionalità dei diversi apparati e organi, ma assicura una migliore e completa strutturazione dell’immagine di sé.
Nella Scuola Primaria l’Educazione Fisica trova la sua naturale collocazione nel gioco e nel giocosport, contenitori principali dei processi di apprendimento e attraverso l’attività motoria e sportiva, il bambino sperimenta e concepisce gli aspetti della vita reale.
Contemporaneamente ai processi di sviluppo cognitivo e affettivo, attraverso il gioco, il bambino sperimenta momenti di socializzazione, intesa come apprendimento delle regole attraverso le attività ludiche, di condivisione e di confronto.
Il corpo entra nella scuola, assumendo importanza non solo come fisico da educare e potenziare, ma come strumento di conoscenza, di espressione e comunicazione tra le persone.

La Scuola Primaria
L’età che coinvolge i bambini della Scuola Primaria presuppone la conoscenza del proprio corpo, in relazione allo spazio e al tempo e ciò determina un differente intervento nell’approccio delle diverse attività motorie che si propongono.
Il giocosport (dalla terza classe in avanti) è lo strumento attraverso il quale sono approfonditi e consolidati tutti gli schemi posturali e motori di base, migliorate le capacità coordinative e condizionali in una reale situazione ludica, che porta il bambino a integrare nell’attività stessa tutti gli stimoli ricevuti.
L’apprendimento motorio, in questa fascia d’età, passa attraverso l’offerta di situazioni vicine alle loro aspettative sportive.
La proposta del giocosport permetterà ai bambini di identificarsi secondo le loro potenzialità e preferenze, coinvolgendoli sotto l’aspetto cognitivo, emotivo, sociale e motorio.
I contenuti didattici della Scuola Primaria sono identificabili con i seguenti obiettivi generali da raggiungere:

- sviluppo e miglioramento delle capacità senso-percettive;
- consolidamento degli schemi motori e posturali;
- sviluppo delle capacità e abilità motorie (linguaggio corporeo ed espressività);
- conoscenza e avviamento al gioco e ai giochisport;
- capacità di comunicazione.

Gli obiettivi specifici da raggiungere sono:
- conoscere e padroneggiare il proprio corpo nello spazio e nel tempo;
- conoscere gli attrezzi con cui si gioca;
- conoscere alcune regole fondamentali per praticare i giochisport.

Il Progetto
Il Progetto “Educazione Fisica e giocosport Minibasket”, costruisce un percorso educativo (concordato, programmato, valutato e verificato “in itinere” assieme agli altri Insegnanti), nel quale l’Educazione Fisica e il giocosport Minibasket diventano progressivamente:

- benessere psicofisico da utilizzare in tutti i momenti della vita scolastica;
- momento di confronto;
- diffusione di una corretta cultura motoria;
- strumento di attrazione e di interesse per gli alunni/e;
- strumento di diffusione dei valori positivi dell’Educazione Fisica, del gioco e del giocosport Minibasket;
- strumento di lotta alla dispersione scolastica.

Il progetto (a partire dalla terza classe), inserito nel P.O.F., sotto la direzione e la conduzione di un Insegnante di E.F. o di un laureato in Scienze Motorie (competente in ambito Minibasket), si articola in interventi in orario curricolare (lezioni di Educazione Fisica) o extracurricolare (attività pomeridiana) e si propone le seguenti finalità:

- educazione delle capacità senso-percettive;
- educazione e sviluppo degli schemi motori di base e posturali;
- educazione e sviluppo delle capacità e abilità motorie;
- collegamento tra la motricità e gli altri apprendimenti culturali;
- sviluppo delle caratteristiche morfologiche e biologiche individuali;
- educazione e avviamento dei bambini al giocosport Minibasket.

Prodotto finale atteso
Oltre al raggiungimento degli obiettivi educativi e didattici, sarebbe interessante organizzare al termine degli interventi concordati con gli Insegnanti, una giornata dedicata all’Educazione Fisica e al giocosport Minibasket, organizzando percorsi in palleggio, gare di tiro, di passaggio e minipartite 3 contro 3.
Inoltre potranno essere esposti tutti i disegni e le composizioni scritte che i bambini hanno prodotto durante l’anno, relativi al giocosport Minibasket.

 

Prof. Maurizio Mondoni