Home • News
Nuovo libro: Andrea Capobianco - La meravigliosa avventura

In uscita il 15 di aprile 2018. Acquistalo ora con 5 euro di sconto utilizzando questo codice coupon: 5euro

Giovanni Petrucci - Presidente FIP
Andrea Capobianco ama il proprio lavoro in maniera viscerale. Ama la pallacanestro come espressione di valori e di socializzazione e, soprattutto, ama insegnarla. Prima di essere un bravo e competente allenatore di livello internazionale è un educatore nel senso pieno del termine. Andrea lavora per avere giocatori che pensano mentre giocano e non semplici esecutori delle indicazioni dei tecnici.

Gaetano Laguardia - Vice presidente FIP
Il libro è un grande ricordo per tutti coloro che hanno contribuito alla vittoria ma è soprattutto un documento atto a documentare la filosofia di Andrea, con il lavoro si può raggiungere qualsiasi risultato e poi in ogni pagina trasuda l’orgoglio di far parte della Nazionale Italiana.

Dan Peterson - Il Coach
Il mitico John Wooden ha detto che un grande coach è quello che ottiene il massimo dai suoi. Una descrizione perfetta di Andrea Capobianco.

Claudio Bardini - Presidente CNA Friuli Venezia Giulia
Credo che questa sia un’opera che oltre a ripercorrere la grande impresa dell’Aprile 2014, quando Andrea ha saputo conquistare la medaglia d’oro nel “mondialino” di categoria, abbia un grande respiro pedagogico ed educativo.

Diego Flaccadori - Capitano
Che dire, Mannaehim è in poche parole l'esperienza più bella della mia vita. L'emozione più grande che la pallacanestro mi abbia mai regalato...Noi, contro gli Usa, i più forti, quelli che vincono sempre...in finale 86-73... Vittoria e campioni del mondo. Mi ricorderò sempre quelle 2 ore iniziali di incredulità generale, non ci credevamo neppure noi, ma il nostro cuore, il nostro orgoglio, la nostra voglia di dimostrare di potercela fare...ci ha spinto a fare qualcosa di storico. Tutto questo probabilmente senza Andrea non sarebbe stato possibile, la nostra guida... è riuscito a tirare fuori il meglio da tutti noi, non eravamo più forti, più alti o più grossi...semplicemente avevamo più cuore, e grazie ad Andrea siamo riusciti a metterlo in campo e diventare campioni.

Lo trovi qui