003 - Principi di allenamento del contropiede - Gianni Lambruschi

Partiamo da un aspetto teorico, come sempre, per poi arrivare ad uno più pratico. Per fare contropiede, dobbiamo correre. Io dico sempre che ci sono contemporaneamente nel contropiede 3 tipi di corse:

  • col cervello;
  • col cuore;
  • infine con le gambe.
Quando penso “devo allenare il contropiede”, le prime due frasi che mi vengono in mente sono:
  • Prima degli avversari;
  • Davanti alla palla (sprintare).
Per far questo vediamo alcuni semplici, ma utilissimi, esercizi che inserisco quotidianamente in ogni allenamento della mia squadra.
 
ESERCIZIO 1
I giocatori disposti in due file sotto canestro, la fila di destra con la palla. Discesa a 2, andando a segnare (Diag. 1).

Lo stesso esercizio si può trasformare in una discesa a 3 (tic-tac) o, rimanendo con una discesa a due, con la regola che, dopo la metà campo, chi ha la palla palleggia e va a segnare (minor numero di palleggi possibili).

Se guardare una partita, soprattutto delle giovanili, noterete come molti giocatori facciano passi quando devono fare un passaggio a campo aperto, o soprattutto quando ricevono un passaggio mentre corrono in contropiede. Nella discesa a due sopra proposta, insegno ai giocatori a ricevere su un piede (ad esempio il destro), e a passare la palla non appena il piede sinistro tocca terra. Questo per evitare che i giocatori possano far passi. All’inizio sarà molto complicato per chi non ci ha mai lavorato sopra, però, se un giocatore non dovesse riuscire fin da subito a fare correttamente questo esercizio, vorrà dire che, ogni volta che riceve palla in contropiede, fa passi di partenza.
 

Clicca per continuare la lettura ...




Prova il Basketball PlayBook di Basketcoach.net per disegnare i tuoi  schemi ed esercizi di pallacanestro - Software per allenatori di pallacanestro