0002 - Difesa a zona 2-3 - Prima parte

Principi generali  della difesa a zona
Perché difendere a zona? In primo luogo, per mettere in difficoltà l’avversario con un cambiamento di difesa. Poi per scelta strategica perchè abbiamo di fronte una squadra forte nel gioco vicino canestro ma debole nel tiro da fuori. Infine per “tamponare” improvvisi cali difensivi dovuti a situazioni particolari (ad esempio problemi di falli o difficoltà a contenere l’1c1 avversario).

L'obiettivo di qualsiasi difesa a zona è quello di proteggere il canestro, quindi dobbiamo evitare che la palla arrivi in post basso o riesca ad entrare nella zona con delle penetrazioni.
Qui di seguito alcuni principi fondamentali da seguire:
- Solo un giocatore sul portatore di palla
- Muoversi in funzione della palla 
- Vedere sempre la palla (posizione guardia aperta)
- Occupare ed adattarsi negli spazi liberi pericolosi

Importante nella zona la comunicazione tra i difensori. Ma cosa comunicare? Questi i richiami principali tra i difensori:
post = quando un giocatore sale in post alto
taglio = quando c’è un taglio
palla = quando ho preso il portatore di palla
tiro = quando un giocatore tira.
 

LA ZONA 2- 3: Posizioni e responsabilità
Non consentire alla palla di trovarsi sull’asse canestro-canestro, dobbiamo esercitare una pressione sul portatore di palla per costringerlo a passare (D. 1) o a spostarsi in palleggio orientando così il lato di aiuto.


Clicca per continuare la lettura ...




Prova il Basketball PlayBook di Basketcoach.net per disegnare i tuoi  schemi ed esercizi di pallacanestro - Software per allenatori di pallacanestro